Storia della Quadir

Una sera intorno a un tavolo, riunione conviviale di un gruppo di amici.

L’estrazione politica è diversa e sicuramente eterogenea. Le problematiche le stesse. Sono tutti ottavi livelli, chi con sezione chi no, ma tutti con la stessa certezza: l’Amministrazione li aveva sicuramente defraudati di qualcosa, non applicando equamente le leggi.

Si sa che queste certezze possono portare a svariate conseguenze:

  • lamenti sterili e infruttuosi;
  • consapevolezza di se stessi, unione e lotta:

Nel nostro caso ha prevalso la seconda realtà ed è nata l’Associazione era il lontano 4 febbraio 1994:

  • Primo segretario: Roberto Cano

Quelli trascorsi, sono stati anni di lotta, a volte molto dura, ma l’attivismo intelligente di Roberto e l’animazione caparbia di Augusto Terenzi fecero sì che la QUA.DI.R. avesse una crescita demografica esplosiva, tanto che divenne in poco tempo rappresentativa sia a livello regionale sia a quello nazionale.

E’ stata l’anima che ha guidato e portato alla perequazione i dipendenti di allora!

Ma la soddisfazione per la vittoria fu offuscata dalla morte improvvisa di Roberto Cano, l’amico Roberto era rimasto con noi, fino a sera tardi, la mattina dopo ci raggiunse la notizia che durante la notte era stato stroncato da un infarto.

La QUA.DI.R., comunque andò avanti per la sua strada e continuò a lottare, ma il colpo che la colpi a morte fu la scomparsa, il 26 dicembre del 2003 di Augusto Terenzi che amava definirsi “lo Scudiero” tanto il suo animo reputava umile il suo essere al servizio della compagine sindacale.

L’amico Augusto aveva lottato contro un male incurabile, sembrava aver vinto, ma poi lo ha battuto un destino atroce.

Ci sono stati tanti anni grigi, tanti Amici, oggi si dedicano ad altro e beneficiano del meritato riposo della Quiescenza, pur essendo stati artefici dell’Associazione e il loro insegnamento ne sarà per sempre il pilastro, come lo Storico Tesoriere Giancarlo Tricca e il battagliero Alberto Cecchi.

Con immissione di nuova linfa, avvenuta negli ultimi anni sembra tornata la voglia di farsi sentire e di ricominciare a lottare, così Giorgio Serafini è stato confermato Segretario Nazionale ha ripreso saldamente il Timone,Valerio Secco è stato confermato Vicario, tante Donne e Uomini stanno impegnandosi per divenire artefici di un cambiamento epico del nostro sindacato e tracciare una linea non di classe ma di prassi democratica ed autonoma a partire dalle strutture di base nei luoghi di lavoro, un connubio questo che unisce la forza dei nuovi e l’esperienza dei tanti che sono rimasti, giovani leve da cui ci aspettiamo molto e per questo affidiamo la nostra fiducia e i nuovi progetti  come Tempo Con e il Regiornale organo ufficiale della QUA.DI.R., ultimi ma non ultimi sono stati nominati Domenico Coraci e Lucio Campopiano alla guida della compagine ente Regione e Maurizio Cappellina e Margherita Tramontana per la compagine ente LAZIOcrea.

La metamorfosi della QUA.DI.R. continuerà che come la fenice risorgerà dalle ceneri e aprirà a tutti i rami e contratti la tutela sindacale sino a raccogliere il progetto più ambizioso di Roberto Cano e divenire una vera e propria confederazione.

In questo breve compendio sono state nominate volutamente soltanto alcune persone, anche se altri lo avrebbero meritato, tutta la squadra al suo completo la troverete nell’elenco referenti nella home-page sindacale, ma se guardate bene attorno a voi vedrete sempre uno di noi lì vicino, pronto a darvi una mano perché……

Questo è quello che ci piace fare, Quello che sappiamo fare meglio, Quello che vogliamo continuare a fare, Difendere i Diritti dei Lavoratori TUTTI!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando sul pulsante 'Accetto', acconsenti all'uso degli stessi.
Informativa Estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi